top of page

Dieta antinfiammatoria

L’infiammazione cronica asintomatica, o di basso grado, è alla base delle patologie cronico-degenerative della terza età e dei tumori ; la prevenzione consiste nell'adottare ,anche in età matura, uno stile di vita sano ed un regime alimentare corretto . Contribuiscono all’infiammazione cronica la vita sedentaria, l’ eccesso di calorie con l’alimentazione, un regime alimentare non corretto e la scarsa qualità del cibo. Le diete ricche di cibo industriale e di “alimenti spazzatura” alterano la flora batterica intestinale e determinano disbiosi che incrementa e mantiene lo stato infiammatorio.

Come si combatte l’infiammazione

Uno degli strumenti più potenti per combattere l’infiammazione è l’equilibrata alimentazione , che deve prevedere l’alternanza di tanti cibi diversi. Una dieta varia ci permette infatti di introdurre tante sostanze nutritive differenti, tutte indispensabili all’organismo, per questo non va bene mangiare sempre gli stessi cibi.

Molti studi sperimentali hanno dimostrato che i nutrienti di alcuni cibi o bevande possono avere effetti pro- o anti-antinfiammatori. Quindi, scegliendo i cibi antinfiammatori potremmo essere in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie, mentre assumendo frequentemente quelli pro-infiammatori potremmo accelerare il processo della malattia infiammatoria.

Caratteristiche della dieta antinfiammatoria

Una dieta antinfiammatoria dovrebbe combinare una varietà di alimenti che:

  • sono ricchi di sostanze nutritive

  • forniscono un’ampia gamma di antiossidanti

  • contengono grassi monoinsaturi e polinsaturi

  • non hanno conservati e additivi


Cibi contro l’infiammazione

Cosa dobbiamo mangiare, quindi, per combattere i processi infiammatori?

Gli alimenti che possono aiutare a gestire l'infiammazione includono:

  • Pesci grassi , come tonno e salmone.

  • Frutta di color viola scuro-rosso , come mirtilli , more, fragole e ciliegie.

  • Verdure come cavoli , broccoli e spinaci.

  • Noci , mandorle e semi.

  • Olive e olio d'extravergine di oliva .

  • Spezie come zenzero e curcuma. Spezie ed erbe aromatiche si possono utilizzare per condire i piatti al posto del sale , alimento che va limitato perché causa infiammazione se consumato in eccesso.

  • Probiotici e prebiotici .

  • Tè verde.

Tuttavia, bisogna tenere a mente che nessun singolo alimento aumenterà la salute di una persona o la proteggerà dalle infiammazioni . È quindi importante prevedere una grande varietà di alimenti nutrienti e salutari nella nostra alimentazione quotidiana e fare soprattutto attenzione a variare ed alternare le fonti proteiche:

  • Carne (preferibilmente bianca o comunque da tagli magri, sgrassata), da consumare tre volte a settimana.

  • Affettati magri (pollo o tacchino, bresaola) per una volta a settimana.

  • Pesce, da consumare in modo ottimale quattro volte a settimana.

  • Uova (2-4 porzioni), da consumare una o due volte a settimana.

  • Formaggi preferibilmente stagionati


  • Legumi, come fagioli, ceci o lenticchie , da mangiare tre volte a settimana.

82 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page