Coronavirus

Sono virus a RNA già responsabili tra il 2002 e 2003 dell'epidemia SARS, fra 2012 e 2013 della MERS e oggi della SARS-CoV-2 iniziata nel 2019. Come indicato sul sito del Ministero della Salute, i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie, stanchezza, disturbi gastrointestinali. Nei casi più gravi l' infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte. Normalmente circolano fra gli animali, ma alcuni hanno la capacità di infettare anche l'essere umano; il vettore di questo ultimo coronavirus è stata una varietà di pipistrelli presenti in Cina. Tra uomini la trasmissione avviene attraverso l'inalazione di goccioline emesse da soggetti contagiati(respiro, colpi di tosse, starnuti...) o con il contatto fisico toccando oggetti contaminati. Il periodo di incubazione varia da 1 a 14 giorni, periodo durante il quale il soggetto è già contagioso. La prevenzione è rappresentata da corretta igiene delle mani ,uso di mascherine, distanziamento e il vaccino costituito da frazioni di mRNA che stimolano il sistema immunitario a produrre anticorpi contro le proteine dell' involucro virale. Possiamo fare prevenzione rafforzando il nostro sistema immunitario (vedi articolo precedente )che è strettamente legato al microbiota intestinale , quell'insieme di microorganismi che regolano molte funzioni e generano una risposta anti-infiammatoria contro i patogeni. La .diagnostica di laboratorio usa l'impiego di test molecolari basati sulla tecnica della reazione a catena della polimerasi inversa per la ricerca di RNA virale esaminando campioni prelevati dalle mucose del rino-faringe( richiede ore ) o il tampone antigenico rapido ricercando la proteina spike del virus o ricercando e dosando anticorpi specifici diretti verso diverse strutture antigeniche del Cov-19 o test rapidi su siero o plasma che però danno solo un risultato qualitativo da confermare con altre tecniche. Come alimentare i pazienti covid nelle varie fasi della malattia ?Gli esperti hanno stilato delle linee guida in cui suggeriscono di aumentare l'apporto proteico giornaliero limitando la carne rossa e preferendo proteine vegetali ( legumi) anche tutti i giorni e pesce tre volte a settimana per arginare la riduzione della massa muscolare conseguente alla inattività fisica. Le uova vanno consumate due volte a settimana come i formaggi freschi e magri. Yogurt e frutta secca come spuntini, carboidrati integrali, cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, spezie ed erbe aromatiche completeranno il pasto. Molto importante è idratarsi con acqua, tè, tisane senza zucchero. Ricordiamo che l'alcol ,assunto in modo persistente nel tempo interferisce con la produzione di citochine, rendendo più sensibili alle infezioni e ,pertanto, da evitare assolutamente in corso di una infezione virale o batterica.

139 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Obesità nei bambini

In Africa il numero di bambini in sovrappeso o in condizione di obesità è quasi raddoppiato dai 5,,4 milioni del novanta ai 10,6 milioni del 2014. Circa 41 milioni di bambini sotto i 5 anni sono in so

Obesità

Secondo l'Italian Obesity Barometer Report, realizzato in collaborazione con ISTAT (ottobre 2020 ),negli ultimi 30 anni si è registrato un aumento dei soggetti obesi o in sovrappeso del 30%.Il sovrapp

Alimentazione e emozioni

Troppo spesso mangiamo per fuggire dalle emozioni e per distrarci da esperienze negative. .Mangiare è un bisogno primario ma a volte può diventare una risposta aspecifica dettata da esigenze emotive.